Hanul lui Manuc, Bucarest

RICERCA HOTEL


Arrivo
Partenza

Info:

alcune informazioni utili per visitare Bucarest

Leggi »

News

Assistenza clienti

Assistenza Clienti


 

Hanul lui Manuc, Bucarest

 

Hanul Manuc o Hanul lui Manuc è un importante meta turistica, ma anche un monumento storico che oggi funziona come affitta camere, con stanze che mantengono l’atmosfera dei tempi di una volta.
Hanul, un’impressionante edificio in legno, è stato costruito nell’anno 1808 da un ricco armeno conosciuto come Manuc Bei, il quale è stato costretto a vivere nella capitale a causa della guerra  russo-turca. 

La sua architettura era molto innovativa a quei tempi, in quanto Manuc voleva che la sua locanda non somigliasse a una fortezza, come tutti gli “han” del XVIII secolo.
La terra dov’è stata costruita la locanda apparteneva fino alla fine del XVIII  secolo alla Corte dei principi, e Manuc  insieme a questa terra comprò anche  altri terreni: Dragomireştii din Vale, Dragomireştii din Deal, Curtea Veche, Bolasca, Trămudeasca, Giuleşti, Popeşti, Mudurgan, Brobodeţ, Hagi-Gheorghe, Cuhneşti ed altri ancora, che si sono ritrovati nel suo testamento nel 1815. Dalle descrizioni dell’inizio del XIX  secolo risulta che sottoterra si trovavano 15 cantine a volta, a pian terreno 23 negozzi, due grandi salotti, 10 cantine, camere per i servi, cucine e un tunnel- bunker che poteva ospitare circa 500 persone.

Al piano superiore si trovavano 107 camere, usate maggiormente per gli ospiti. Nella corte interna esisteva una caffetteria,  una cantina per i vini (“crama”) e un piccolo giardino con una fontanella. Tra la facciata che dà verso il fiume Dâmboviţa  è stato costruito un’argine  in pietra, largo più di un metro.

Hanul lui Manuc, Bucarest

Cosa vedere a Bucarest

 

» Il Parco Herastau

» Museo del Villaggio

» Arco di Trionfo

» Museo nazionale di storia naturale “Grigore Antipa”

» Ateneo Romeno (Atenelum Roman)

» Hanul Cu Tei (Locanda con i tigli)

» Hanul lui Manuc (Locanda di Manuc)         

» Casa del Popolo   

» Il Parco  Carol

» Il Museo Tecnico